lunedì 18 gennaio 2021

I mondi della Cabala

di Luca Delli Santi






La mistica ebraica è un complesso sistema di pratiche e di meditazioni volte alla contemplazione delle emanazioni divine, quali le sephirot e le lettere dell’Aleph-Bet. Si tratta dei mattoni e della malta con cui si è edificata l’intera Creazione. I cabalisti, divisi nelle loro diverse scuole, hanno strutturato un complesso sistema esegetico ed ermeneutico delle Scritture, in molti casi è assimilabile con quello di altri correnti rabbiniche dell’ebraismo in altri, come osserva il filologo Giulio Busi, se ne distacca costituendo un corpo di insegnamenti originale, pur rimanendo saldamente ancorato nella cultura e nelle teologia ebraica.
La Cabala ha una propria struttura ermeneutica riguardo la Torah ed in particolare riguardo la cosmologia. Nel Sepher ha Yetzirah e nel Sepher ha Zohar troviamo vasti riferimenti, anche una struttura cosmogonica, riguardo le origini e la finalità dell’universo. Queste dottrine esposte in forma spesso poetica e letteraria ci offrono una complessa ed articolata visone metafisica. Secondo alcune recenti interpretazioni vi si possono incontrare anche evidenti intuizioni che sarebbero oggi confermate da alcune teorie della meccanica quantistica, teorie affascinanti ed in evoluzione che vanno comunque considerate con la consapevolezza che talvolta un ricercatore può, in buona fede, credere di trovare conferma di ciò che presuppone. È certo che la cabala ci offra una articolata e completa visione del sistema di “comunicazione “ fra Creatore, Creazione e Creature, descrivendoci il movimento delle emanazioni e come queste si collochino in un complesso sistema di relazioni che si dispiega su una scala.
Questo sistema graduale viene definito come una pluralità di realtà: i Mondi della Cabala.
Anche riguardo la complessità e l’articolazione della scala naturalmente vi sono diverse interpretazioni, essa si è evoluta ed arricchita nel tempo, ed è tutt’oggi oggetto di diverse rappresentazioni.
Di seguito illustrerò, sinteticamente, l’interpretazione della Cabala Lurianica condivisa dalla grande maggioranza delle scuole contemporanee.
I Mondi possono essere immaginati o, se si preferisce interpretati, sia come eventi, tappe che si susseguono nel processo creativo del cosmo, sia come stati di coscienza, diversi livelli spirituali.
Seguendo la rappresentazione narrativa che ce li propone come accadimenti in ordine cronologico partiamo dalla fase precedente alla Creazione. Un “mondo” in cui c’era solo Dio, i cabalisti ebrei dicono HaShem, Il Nome. Una realtà indefinita nella quale il Nome prende coscienza di sé stesso, del suo proprio essere, siamo nel Mondo della Luce Infinita, Or Ain Sof.
La seconda tappa è il Sod Ha’Tzimtzum, il Segreto della Contrazione. Si tratta di un atto di contrazione con cui il Creatore lascia spazio al Creato, secondo la Tradizione questa tappa è a sua volta strutturata in tre fasi.
La prima fase è l’atto di contrazione, la Luce si ritira, la seconda fase è detta dell’impressione o della sensazione, a questo livello c’è una separazione, solo apparente, fra il Creato, che in questo momento è uno spazio buio privato della Luce divina, ed il Creatore. La terza fase è quella del raggio della Luce, detta anche della Corda. Un raggio di luce divina illumina l’oscurità del Creato.
La terza tappa è l’Uomo Primordiale, in ebraico l’Adam Kadmon, che non ha nulla a che vedere con l’Adamo del Genesi, rappresenta la volontà creatrice divina di emanare i mondi. Mosè Luzzato, maestro di Cabala italiano vissuto nel XVIII secolo, il Ramchal, ce lo descrive come la prima manifestazione dell’emanazione delle sephirot nel vuoto primordiale, il primo partzufim, la prima “espressione” delle sephirot congiunte.  È affascinante constatare che la prima espressione che si scorge nella creazione è quella di un essere umano. L’Adam Kadmon è un concetto analogo a quello descritto in Giovanni 1:3 “tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste.”
Le luci emanate da Adam Kadmon si distribuiscono nei recipienti, è la dialettica or-Kelim, polarità maschili e femminili, che si congiungono e danno forma alla matrice della creazione. Sono le tappe successive quelle dei mondi di Akudim, Nekudim, Brudim, delle legature, dei punti e delle connessioni. 
Scendendo ancora di un gradino incontriamo la Corona dell’emanazione la Keter Atzilut. Il passo immediatamente successivo è l’Olam Atzilut, il mondo dell’emanazione. Gli archetipi della creazione sono già definiti, ma la distinzione dal Creatore è labile, le individualità umane non si sono ancora formate, il tutto in potenza esiste ma la connessione con il Principio è ancora stretta, è il livello della perfetta conoscenza dell’unità divina. Qui prendono forma i partzufim, i volti, le espressioni del divino, sono le sephirot unite in complesse intersezioni che con il loro movimento esprimono queste ipostasi.
Siamo giunti al livello, probabilmente assai più noto, dei quattro mondi, che culminano con il nostro, quello della manifestazione fisica, si tratta del mondo dell’emanazione, della creazione, della formazione e dell’azione. Atzilut, Berià, Yetzirah, Assià. Il mondo della creazione è il livello della Materia Prima ricercata dagli alchimisti, è l’oscurità del ventre materno in cui si sviluppa l’embrione, le anime degli esseri umani iniziano ad acquisire la propria individualità. La Formazione è la dimensione dove il progetto assume la sua forma più prossima alla definizione ultima, è un mondo di esistenze separate dal Creatore, non ancora precipitate nella materialità, è il Mondo Immaginale descritto negli studi di Henry Corben. Nella Tradizione cabalistica è il livello delle ipostasi angeliche, sia di quelle benigne che di quelle maligne. La dimensione in cui opera la magia. Assià è l’azione, la realtà sensibile, l’universo fisico con le sue leggi.
Questa che ho descritto è senza dubbio una rappresentazione cosmologica, ma è anche, nell’ottica della cabala, una road map e la distanza non deve incutere timore in quanto i diversi livelli spirituali sono interconnessi e la loro successione non è gerarchica  né cronologica, del resto in queste dimensioni non ha alcun senso il concetto di tempo. Questa è la mappa, lo strumento per percorrerla sono i trentadue sentieri della Sapienza o meglio i concetti che rappresentano, i quali, espressi nei simboli dell’arte muratoria, sono disseminati nel Tempio dei massoni.





.

venerdì 8 gennaio 2021

In ricordo di Eugenio Popovich

di Antonino Zarcone




6 gennaio 1842, Berljanska (Russia), nasce Eugenio Popovich. Figlio di un capitano di vascello e facoltoso armatore, giovanissimo si trasferisce a Trieste, frequenta il Ginnasio triestino ed il liceo italiano di Capodistria, dove è condiscepolo del futuro re Nicola I del Montenegro. Conseguita la maturità al Ginnasio di Zara,  nel 1860 si iscrive all'università di Graz. Vicino ai gruppi irredentisti triestini, nel 1860 prende parte alla fase finale della campagna nell'Italia meridionale. Tornato a Trieste aderisce al Comitato segreto Triestino-Italiano. Nel 1862 è con Garibaldi nella spedizione per la liberazione di Roma fermata in Aspromonte. Ripresi gli studi si iscrive all'università di Pisa  poi a quella di Bologna, dove si laurea in Scienze politiche e giuridiche nel 1864. Due anni dopo è ancora volontario ed è assegnato alla seconda compagnia del primo battaglione del 2º Reggimento Volontari Italiani di Garibaldi con cui partecipa alla Terza Guerra d'Indipendenza, nella quale è promosso sottotenente, e nel 1867 segue Garibaldi come luogotenente della terza colonna dei volontari nella spedizione nell'Agro Romano. Nel 1870 si trasferisce a Roma diventata Capitale ed intraprende la carriera di giornalista politico come Corrispondente de "La Nazione", con lo pseudonimo di E. Tergesti, poi redattore del "Il Diritto". Promotore di una spedizione militare per sollevare la Bosnia dalla dominazione austriaca, non realizzata, nel 1897 è nominato console del Montenegro a Roma dal principe Nicola e nel 1900 console generale. Massone, membro della Società di Mutuo Soccorso Reduci Garibaldini “Giuseppe Garibaldi”, muore a Trieste il 4 aprile 1931.

giovedì 24 dicembre 2020

Il messaggio del Sommo Sacerdote Domenico Bilotta




Carissimi Compagni,  
quest’anno gli auguri natalizi hanno per tutti un sapore diverso. Mancano gli affettuosi  abbracci, mancano i brindisi fatti tutti insieme, ma soprattutto manca il potersi guardare  negli occhi ed attraverso gli occhi. Tuttavia la scintilla di intesa, che sempre ci ha  accompagnato, resta accesa dentro di noi e adesso sentiamo la necessità ed il bisogno di  mantenerla oggi viva come, forse, mai prima era accaduto.  
La forza ed il coraggio che ci sono stati richiesti nei mesi passati e che ancora dovremo  perpetuare per mantenere accesa la Luce della Tradizione del nostro amato Corpo rituale,  sappiamo che già si trova dentro di noi. Non a caso la parola “coraggio” trova le sue radici  nei termini “cor – cordis” cioè cuore, e “habere” cioè avere. Basterebbe quindi avere nel  nostro cuore la sincerità, la lealtà, l’amore fraterno e l’attaccamento a quella Tradizione che  lungo il nostro cammino abbiamo raccolto, per avere la certezza che tutto questo passerà e  ci consentirà non solo di superare questo difficile momento, ma di poterlo addirittura vivere  e raccontare ai nostri figli, ai nostri nipoti ed ai nostri Compagni, come un momento di  crescita ed evoluzione spirituale senza eguali.  
Sempre per tradizione e legame con i nostri rituali, abbiamo vissuto ed imparato a  lavorare con gli altri, ad essere difesi da essi e a difenderli, a condividere la fatica e a gioire  dei tesori a cui tale lavoro ci ha condotto. La storia e le circostanze vorrebbero, a quanto  pare, farci trovare soli e distanti. Non è così, anzi, se ci pensiamo bene, questo fa parte del  nostro percorso verso la Luce e ancora una volta lo troviamo tra i momenti e le pagine della  nostra tradizione. 
Proseguiamo in avanti quindi, certi che questi momenti passeranno, che nuovamente  avremo modo di lavorare tutti insieme, a brindare, a guardarci negli occhi e a essere  coscienti, ancora di più, che il coraggio che la tradizione del nostro Rito di York ci ha fatto  scoprire, già albergava nei nostri cuori e che proprio grazie a questa, avremo da raccontare  storie e momenti ancora più straordinari!  
Con questa consapevolezza auguro, a nome mio e dei Gran Dignitari, a tutti i  Compagni di poter vivere queste feste in serenità e con i propri cari, sebbene  apparentemente rintanati a casa, per poter riscoprire quell’intimità e importanza delle  piccole cose, delle tradizioni, degli affetti, che forse a causa della quotidiana vita frenetica si  stavano annebbiando e svilendo della loro grande portata spirituale e morale. 
Buon Natale a tutti Voi ed alle vostre famiglie ed un felice e splendido 2021, tutti  insieme. 

Domenico Bilotta,
Sommo Sacerdote 
Gran Capitolo LLMM dell'Arco Reale
Rito di York in Italia

Il giardino dei melograni. In libreria Moshè Cordovero




Un’importante opera del 1548, per la prima volta tradotta in italiano. Nel 2021 nelle vostre librerie il primo volume de «Il giardino dei melograni» di Moshè Cordovero (Tipheret - Gruppo Editoriale Bonanno), a cura di Mauro Cascio e Mauro Cerulli. Il pensiero speculativo della cabala ebraica (ri)letto in nota secondo le più moderne interpretazioni scientifiche e filosofiche e con delle splendide illustrazioni di Luigi Malgherini. Nota introduttiva di Nadav Hadar Crivelli.

lunedì 21 dicembre 2020

Buon solstizio d'inverno

di Luca Delli Santi

La tradizione abramitica considera la conoscenza astrologica la capacità di tornare a connettersi con il ritmo naturale, ovvero compiere determinate azioni, soprattutto quelle rituali, nel momento in cui è appropriato farlo. È ben noto che nei vangeli di Luca e Matteo è una stella ad indicare ai Magi, i tre sapienti, il luogo in cui sarà possibile incontrare il neonato Messia, nella cabala uno dei nomi che indica il Messiah è Kokhav, stella, chissà forse Luca e Matteo, o le persone da cui raccolsero il mito della Natività, erano al corrente di questa nozione esoterica che li ispirò.
In prossimità dell’evento astronomico del Solstizio d’inverno può essere stimolante svolgere alcune riflessioni sulla simbologia solare ed in particolare sul solstizio. Il calendario ebraico è lunisolare, i dodici mesi da cui è composto partono dal primo apparire della luna nuova, un evento che gli antichi consideravano una congiunzione del Sole e della Luna. Vi è una particolare preghiera che gli ebrei rivolgono al Creatore per il dono del sole, la Birkat Hachama, la Benedizione del Sole, questa viene recitata quando si completa un ciclo solare di 28 anni, secondo la tradizione viene recitata quando l’astro si ritrova nella medesima posizione in cui era durante la creazione del mondo.
Nella cabala la luna simboleggia il divino femminile, immanente, il sole rappresenta il divino rivelato, di polarità maschile e trascendente, a questo dovremmo pensare quando ragioniamo sul valore solare e maschile della nostra iniziazione. La polarità maschile indica la ricerca di una connessione con il divino trascendente attraverso l’equilibrio con la polarità lunare o femminile.
Quest’anno nel giorno del Solstizio si verificherà anche un altro evento astronomico, è la congiunzione fra i pianeti Giove e Saturno, l’evento si verifica ogni vent’anni, ma raramente è visibile senza l’ausilio di strumenti di osservazione.
Giove in ebraico è Tzadeq, la stessa radice della parola giusto, il fondamento del mondo, nella cabala contemporanea viene associato alla sephira Tipheret, il suo essere il gigante gassoso più grande del sistema solare e la sua posizione centrale hanno ispirato questa associazione, è un corpo celeste che ci comunica armonia ed equilibrio fra polarità opposte. È stato anche associato alla figura di Melchidesech, l’archetipo del re giusto, cui era concessa anche la Sapienza sacerdotale, una figura di primaria importanza nella cultura iniziatica occidentale.
Saturno, l’ultimo dei sette corpi celesti della sapienza ermetica, in ebraico è Sabbathai, il settimo. Contiene in sé il mistero del numero sette, la completezza della Creazione e con essa il ritirarsi del divino dalla manifestazione, ma è anche la promessa di una nuova e continua rivelazione, dell’incontro con il divino.
La congiunzione di Giove e Saturno, dell’Armonia e del Settimo, del pianeta dello Shabbat, nel suo ripetersi ogni vent’anni ci offre la consapevolezza che il ciclo cosmico si compie costantemente, ma ci invita anche alla necessità di andare oltre, di vivere protesi verso un orizzonte oltre il quale si trova la ricongiunzione fra Creature, Creato e Creatore.  
Il venti, il valore ghematrico della lettera Khaf, l’iniziale della parola Corona, è anche la il valore delle parole Chazah, avere una visione, e Achavah, fratellanza. La fratellanza è la malta con cui si legano i lavori muratori, che in questo momento, più che in altri, possono e devono essere d’ispirazione alla famiglia umana, piegata dall’epidemia e soprattutto dalle conseguenze sociali e politiche che ne scaturiscono.
Il Solstizio d’inverno rappresenta la porta dal momento più buio alla progressiva crescita della luce, quest’anno la congiunzione fra Giove e Saturno ci indica la ricerca dell’Armonia come strumento per conquistare la vera Luce, quella al di là di ogni fenomeno del mondo sensibile. Il telos messianico, la conquista, la liberazione, che, superando il tempo e lo spazio, reintegrerà l’essere umano nella sua condizione divina, oltre gli inganni della coscienza individuale.
.