martedì 17 ottobre 2017

La Calabria e la Scoperta dell'America. Con Giuseppe Pisano e Massimo Agostini. Le conclusioni di Tiziano Busca


Risorgimento e Massoneria. Il bicentenario dei moti carbonari del 1817



«Il Risorgimento lo ha fatto la Massoneria». L'affermazione è del presidente del collegio circoscrizionale dei maestri venerabili delle Marche, Fabrizio Illuminati. Il contesto è la celebrazione del bicentenario dei moti carbonari di Macerata. Un fatto storico il cui ricordo ha riempito l'Auditorium della Società Filarmonico-drammatica di Macerata. A chiamare a raccolta il numeroso pubblico la locale loggia «Evoluzione e Tradizione» del Grande Oriente d'Italia.

Fonte: Cronache maceratesi

Religione civile e patriottismo costituzionale. Da Ugo Bassi ai nostri giorni

Ugo Bassi

Ugo Bassi, eroe, patriota, libero muratore e martire dell’epopea garibaldina e del Risorgimento italiano, ma soprattutto padre barnabita, in grado di coniugare, nella sua testimonianza storica, la fede cristiana e il libero pensiero, la religione e la passione civile, il cattolicesimo e la Massoneria. A questa straordinaria figura esemplare della nostra storia è dedicato il convegno dal titolo “Religione Civile e Patriottismo Costituzionale da Ugo Bassi ai nostri giorni”, che si terrà l’11 novembre a Bologna e le cui conclusioni saranno affidate al Gran Maestro Stefano Bisi. L’evento, che si svolgerà presso l’Aula Prodi (in Piazza San Giovanni in Monte n. 2), alle ore 10,00, è organizzato dalla Rispettabile Loggia Ugo Bassi n. 1216 all’Oriente di Bologna.
Relatori il professore Giovanni Greco (Ordinario di Storia Contemporanea all’Università di Bologna) che incentrerà il suo intervento su “Ugo Bassi, patriota e massone”, il professore  Raffaele K. Salinari (Università di Bologna) che metterà in evidenza “Le basi teologiche dell’impegno civile in Ugo Bassi” e il professore e avvocato Angelo Scavone (Docente di Diritto Costituzionale all’Università di Bologna) il quale parlerà di “Patria, Repubblica e Cittadinanza in Ugo Bassi”.

Fonte: GOI

lunedì 16 ottobre 2017

Rito di York. Due giorni a Napoli con i corpi appendant



Un momento importante quello che il Rito di York ha vissuto lo scorso fine settimana a Napoli. La riunione dei suoi corpi appendant ha rinnovato l'entusiasmo di chi ha voluto approfondire il simbolismo delle camere York in ulteriori momenti che sono delle vere e proprie iniezioni iniziatiche: si è  riunito l'Alto Sacerdozio, riservato agli ex Gran Sacerdoti dei Capitoli, il Silver Trowel, per gli ex Illustri Maestri della Criptica, e il Tabernacolo, per gli ex Commendatori delle Commende templari. Anche la Societas Rosacruciana ha provveduto a nuove iniziazioni. Ha chiuso la due giorni di appuntamenti la Croce Rossa di Costantino.

Rito di York. Successo per Giuseppe di Domenica

Giuseppe Di Domenica

Due giorni intensi per Giuseppe Di Domenica, impegnato in due appuntamenti su Dante Templare, l'ultimo dei quali a Casa Nathan, a cura del Collegio Circoscrizionale dei MMVV del Lazio e della RL Mozart con il MV Luigi De Feo. Nel suo intervento ha sottolineato i rapporti tra la filiazione templare e il Rito di York, il sistema altograduale più antico tra quelli praticati  in Italia e più diffuso nel mondo.